Warning: mysql_real_escape_string(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.nicolamaianiphotography.com/home/wp-content/plugins/statpress/statpress.php on line 1191

Warning: mysql_real_escape_string(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.nicolamaianiphotography.com/home/wp-content/plugins/statpress/statpress.php on line 1191

Warning: mysql_real_escape_string(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.nicolamaianiphotography.com/home/wp-content/plugins/statpress/statpress.php on line 1194

Warning: mysql_real_escape_string(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.nicolamaianiphotography.com/home/wp-content/plugins/statpress/statpress.php on line 1194

Warning: mysql_real_escape_string(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.nicolamaianiphotography.com/home/wp-content/plugins/statpress/statpress.php on line 1197

Warning: mysql_real_escape_string(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.nicolamaianiphotography.com/home/wp-content/plugins/statpress/statpress.php on line 1197
Nicola Maiani - Italian Photographer Il ricordo della Siria

Il ricordo della Siria

posted in Articles

Il ricordo della Siria

Kilis, città di 90.000 abitanti del sud della Turchia, è la prima città che si incontra uscendo dalla Siria per chi proviene da Aleppo e dalle città limitrofe.

È qui che vivono 130.000 profughi siriani per buona parte bambini.

Bambini che hanno visto la guerra, bambini che hanno visto morire amici, parenti, genitori, fratelli; bambini feriti: chi da una bomba, chi dalle macerie, chi dal fuoco, ma tutti, anche chi non mostra ferite esteriori, hanno subito quella che è la ferita più grande, il ricordo.

Ricordi come quello della ragazza di 14 anni stuprata da un gruppo di soldati del regime e che ora cresce il figlio nato da quella violenza, o come quello della bambina di 10 anni che non riesce a dormire perché, durante un bombardamento, ha creduto che il padre fosse morto a causa delle bombe, o, ancora, come quello del bambino di 6 anni completamente ustionato e senza alcune dita della mano sinistra per via di un bombardamento.

E sono tutti lì, questi ricordi, nei loro gesti, nei loro volti, nei loro sguardi; sguardi di chi sa che non potrà mai dimenticare.

Comments